OFS Liguria: 17 gennaio, giornata di preghiera

Ai Ministri di Fraternità
Ai Padri Assistenti
Ai fratelli e sorelle francescani della Liguria

Carissimi fratelli e sorelle in Cristo e San Francesco, pace e bene.

Da sempre tutta l’Umanità soffre per varie cause: la prima è sempre la povertà che ancora in molte parti del mondo è purtroppo una realtà quotidiana, oppure per perdita della vita in catastrofi ambientali alle quali ogni giorno ormai assistiamo e le guerre, “a pezzi”, come le definisce il Santo Padre Francesco, che feriscono profondamente le nazioni e straziano gli uomini riducendoli in ogni povertà. Nessun vince mai una guerra. L’unica vittoria è nell’amore, nella solidarietà, nella benevolenza gli uni con gli altri, senza distinzioni, tutti fratelli.

La guerra è frutto dell’odio, dell’egoismo, della prepotenza che non rispetta, non ama, non accoglie i propri fratelli. Siamo ancora troppo schiavi di ideologie che ci fanno dividere per motivi economici, religiosi, classi sociali e addirittura per il colore della pelle. È la lotta di sempre fra il Bene e il male.

Cari fratelli e sorelle, è indispensabile tornare al Signore e rivolgere a Lui la nostra vita perché sia il Suo Santo Spirito a riempire i nostri cuori, è necessario ritornare alla preghiera e al digiuno come il Signore Gesù ci indica: “certa specie di demoni si scaccia solo con la preghiera e col digiuno” (Matteo 17, 21).

Carissimi, la nostra fraternità dell’Ordine Francescano trova forza e la esprime nella fede e nella preghiera comunitaria e per questo sentiamo l’urgenza di impegnarci tutti insieme in una giornata di preghiera e digiuno per chiedere al Signore il bene della pace. Giornata da vivere ognuno nella propria casa coinvolgendo, ove possibile, la propria famiglia, i vicini e gli amici. Il digiuno è inteso a pane e acqua ma, per chi non potrà, sarà importante offrire una rinuncia di qualche cosa che ci lega particolarmente. Accostarsi al Sacramento della Riconciliazione e partecipare alla Santa Messa, facendola precedere da un tempo di adorazione, per quel giorno, sarà completamento alla nostra preghiera. Il giorno scelto è venerdì 17 gennaio 2020.

Vi preghiamo di dare massima diffusione ai fratelli e alle sorelle della vostra Fraternità e coinvolgere come detto, più persone possibili per questa iniziativa.

Grazie carissimi, confidiamo nella massima partecipazione e affidiamo al Signore noi stessi e tutti i nostri propositi. Dio ci benedica.

A nome del Consiglio Regionale O.F.S. della Liguria
Fiorella Patané [Ministro Regionale O.F.S. Liguria]

Per scaricare/leggere questo documento, cliccare il pulsante sottostante.

17 Settembre 2019

Carissimi,

Pace e Bene nelle vostre famiglie e nei vostri cuori.

Tra pochi giorni le nostre fraternità riprenderanno gli incontri per l’anno 2019/2020 e la proposta da me avanzata e accettata dal Consiglio, è stata quella di iniziare il nostro cammino con un momento dedicato interamente alla preghiera.

La nostra Ministra Regionale, Fiorella Patané, ha scelto il giorno 17 settembre 2019 per raccoglierci tutti uniti – alla stessa ora – davanti a Gesù e la Madonna.

Senza arrecare disturbo alcuno, siamo inviati a trascorrere un’ora in preghiera (dalle 21.00 alle 22.00) ovunque ci troviamo.

Il 17 settembre è il giorno in cui san Francesco ricevette il privilegio di portare con sé i segni della Passione di Cristo.

San Francesco, davanti al Cristo crocifisso, provava un’immensa gratitudine per il dono che il Signore ha offerto per tutti noi: Lui, il puro, il senza macchia, il senza peccato alcuno, si offriva volontariamente alla morte in Croce per la salvezza delle nostre anime.

San Francesco, però, non si fermava a lodarLo e benedirLo ma si struggeva nel pianto, alla vista delle ferite che l’uomo aveva inflitto nel Suo Santo Corpo durante la Passione e la crocefissione.

Il suo essere in Cristo e con Cristo, lo portava a desiderare ardentemente di condividere con Lui, l’amore e il dolore che Gesù provava durante la Sua Pasqua.

La preghiera costante, nel tempo, si trasformò in adorazione perpetua sino a raggiungere periodi di estasi. Francesco, allora, era un tutt’uno con Cristo.

Proprio il 17 settembre, durante un ritiro alla Verna per una quaresima in onore a san Michele Arcangelo, Francesco ricevette il privilegio di condividere la Passione di Cristo.

La purificazione dell’anima e l’amore di san Francesco per il Cristo e le sue creature ci siano di esempio costante e di esortazione per proseguire sicuri verso la vera meta: Gesù.

Papa Francesco chiede preghiere. Tutto il mondo necessita di preghiera. La preghiera è la nostra unica e vera arma contro il male nel Mondo.

Come spunto per la nostra riflessione che accompagnerà la nostra preghiera di domani sera, vi allego una riflessione di Fra Stefano Lovato, Padre Spirituale del Consiglio dell’O.F.S Ligure.

Buona preghiera a tutti.

Monica Benini [Delegata G.P.S. – Consiglio Regionale O.F.S. Liguria]